Il motivo è il futuro Massimo Baldi

Consigliere Regionale

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MASSIMO BALDI

Tenebrae di Paul Celan

 

 

TENEBRAE

 

Vicini noi siamo, Signore,

vicini e afferrabili.

 

Già afferrati, Signore,

l’un l’altro appesi, come fosse

il corpo di ognuno di noi

il tuo corpo, Signore.

 

Prega, Signore,

pregaci,

noi siamo vicini.

 

Noi andammo sghembi,

andammo ad inchinarci

su conca e cratere.

 

Noi andammo all’abbeveratoio, Signore.

 

Era sangue, era,

ciò che tu hai versato, Signore.

 

Splendeva.

 

Ci gettò la tua immagine negli occhi, Signore.

Occhi e bocca stanno così aperti e vuoti, Signore.

Abbiamo bevuto, Signore.

Il sangue e l’immagine che era nel sangue, Signore.

 

Prega, Signore.

Noi siamo vicini.

 

bv000002.thumb[1]Ho condiviso molte volte questa importante poesia di Paul Celan, nella mia perfettibile traduzione.

Tenebrae, scritta tra la primavera e l’autunno del 1957, si ispira all’opera di François Couperin, Leçons de ténèbres, composta per la Settimana Santa del 1714 e ispirata alle Lamentazioni di Geremia. Le ‘tenebrae’ sono una fase della liturgia quaresimale cristiana che viene celebrata, con la preghiera, tra le 12.00 e le 15.00. Leggiamo infatti in Matteo 27,45: «dall’ora sesta si fecero tenebre su tutto il paese, fino all’ora nona». Ed è proprio all’ora nona, a conclusione delle ‘tenebrae’, che «Gesù gridò a gran voce: “Elì, Elì, lamà sabactàni?” cioè: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”».

Celan rovescia il vettore teodicale dell’enunciato biblico e – significativamente nel periodo della sua vita in cui aveva tradotto in tedesco il commento a Notte e nebbia di Alain Resnais, celebre film-doc sui campi di sterminio e sulla Soluzione Finale – sostituisce all’immagine del Cristo morente nell’ora nona quella delle vittime dello Sterminio.

 

Il secondo nome di Paul Celan (pseudonimo di Paul Ancel) era Pessach, che significa ‘passare oltre’, ‘passaggio’ – e da cui deriva ‘Pasqua’.

È un testo che mi accompagnerà e ossessionerà per tutta la vita.

 

 

 

Massimo Baldi, 25.03.2016

 

Pubblicato in Pensamenti, Senza categoria, Studi leggiadri e sudate carte